Servizi
  • Campionamento e analisi acque e aria
  • Redazione Piani di campionamento
  • Relazioni tecniche
  • Manuali di rischio biocontaminazione

Il campionamento

Il campionamento può definirsi come l’operazione di prelevamento della parte di una sostanza di dimensione tale che la proprietà misurata nel campione prelevato rappresenti, entro un limite accettabile noto, la stessa proprietà nella massa di origine. In altre parole, il fine ultimo del campionamento ambientale è sempre quello di consentire la raccolta di porzioni rappresentative della matrice che si vuole sottoporre ad analisi. Il campionamento costituisce quindi la prima fase di ogni processo analitico che porterà a risultati la cui qualità è strettamente correlata a quella del campione prelevato.

Per tale motivo, il campionamento è una fase estremamente complessa e delicata che condiziona i risultati di tutte le operazioni successive e che di conseguenza incide in misura non trascurabile sull’incertezza totale del risultato dell’analisi. Gli studi disponibili mettono in evidenza che l’incertezza associata al campionamento può contribuire anche per il 30-50% all’incertezza associata al risultato analitico finale ed è di gran lunga più elevata rispetto all’incertezza associata alla fase analitica (circa il 5%). Numerose fonti di incertezza possono influire sui risultati di analisi ambientali. La Tab. 1 riassume in modo schematico le principali fasi di un’analisi ambientale, le possibili fonti di incertezza ed un indice qualitativo per valutare quanto la specifica fase possa gravare sull’incertezza finale.

 

Piano di campionamento

La predisposizione del piano di campionamento, finalizzato alla raccolta di una serie di campioni rappresentativi risulta fondamentale per una corretta descrizione del fenomeno investigato. La definizione degli obiettivi del campionamento (ricerca, monitoraggio, controllo, ecc.) è una fase cruciale di tutto il processo analitico, in quanto rappresenta un fattore condizionante l’intero approccio sperimentale che comprende la scelta del numero e della localizzazione dei punti di campionamento, la determinazione della frequenza, della durata e delle procedure di prelievo, nonché il successivo trattamento dei campioni e la scelta delle più adeguate metodiche analitiche da utilizzare.

La predisposizione di un piano di campionamento, che conduca ad una serie di campioni rappresentativi del fenomeno da descrivere, implica oltre ad una conoscenza preliminare del sistema da analizzare, una chiara definizione degli obiettivi da perseguire. L’analisi può essere finalizzata alla verifica del rispetto di limiti, alla definizione della variabilità spaziale e/o temporale di uno o più parametri, al controllo di scarichi accidentali od occasionali, alla determinazione di parametri di processo, alla caratterizzazione fisica, chimica o biologica di un ambiente. Dal punto di vista analitico, la rappresentatività del risultato dipende dal numero di campioni prelevati. Tale numero può essere definito statisticamente in base a criteri dipendenti dagli obiettivi di qualità e dalla ripetibilità del metodo.

Fissati gli obiettivi del prelievo, le operazioni di campionamento devono essere effettuate sulla base di uno specifico “Piano di campionamento”, che deve programmare nel dettaglio le operazioni di campionamento secondo criteri e disposizioni che in alcuni casi sono stabilite da normative tecniche di riferimento. Il campionamento, essendo parte integrante dell’intero procedimento analitico, deve essere effettuato da personale qualificato e nel rispetto della normativa in materia di sicurezza del lavoro. Un piano di campionamento deve quindi prevedere (non esaustivo):

  • la definizione dell’obiettivo;
  • la descrizione del sito di campionamento;
  • la strategia di campionamento;
  • l’indicazione delle matrici da campionare;
  • le metodiche di campionamento;
  • la numerosità dei campioni;
  • la durata del campionamento;
  • la frequenza del campionamento;
  • le modalità di trasporto dei campioni;
  • la conservazione dei campioni;
  • il controllo di qualità;
  • la pianificazione della sicurezza sul lavoro;
  • la definizione del tipo di documentazione che deve essere utilizzato durante tutto il programma di campionamento.
Search
Legionella 2017 Conference

Organizzato dalla Università di Bari a Taranto
Organizzazione operativa
Bio Consulting
Promosso dal
Gruppo F.C.Srl

icona web

Legionella 2017 Conference
31 marzo 2017
Taranto

Ozono e Legionella

efficacia dellozono nella eradicazione della legionella

Sanificazioni Acqua - Aria

Sanificazione bonifica serbatoi cisterne e reti idriche

16 September 2015
Sanificazione bonifica serbatoi cisterne e reti idriche

Servizi Bonifiche - sanificazione cisterne e reti idriche Prelievo e analisi acque pre e post tratt...

Sanificazione e Manutenzione UTA - Unità Trattamento Aria

29 January 2016
Sanificazione e Manutenzione UTA - Unità Trattamento Aria

Servizi Bio Consulting Redazione del manuale operativo delle manutenzioni; Redazione del regist...

Elaborazione di un Piano di Sicurezza delle Acque

21 May 2016
Elaborazione di un Piano di Sicurezza delle Acque

SVILUPPO DI UN PSA (Piano di Sicurezza dell’acqua) Un PSA è fondamentalmente articolato...

« »

Profilo professionale su Linkedin

Intro Linkedin

Menù

Free Joomla! template by L.THEME